Nuovi spazi presso il Centro Palagiovani di Locarno

In barba al Covid-19, cinque aule nuove di zecca, per migliorie che hanno richiesto un investimento di circa 20mila franchi, sostenuto da Fondazioni vicino al centro Palagiovani. Parliamo di interventi che vanno dall’insonorizzazione alla climatizzazione, dal wifi per l’accesso a internet alla dotazione di computer, fino al plexiglas per la protezione della salute degli utenti e a un prontuario antivirus. Il tutto, anche, per poter far fronte, quando necessario, alla “nuova frontiera” delle lezioni a distanza.

Sta cambiando molto, all’Accademia ticinese di musica (www.atmm.ch), scuola con sede al Palagiovani di Locarno e affiliata alla Federazione delle scuole di musica ticinesi. Emilio Pozzi, anima di un’istituzione formativa che l’anno prossimo compirà 30 anni, ha di che essere soddisfatto: «In relazione alla pandemia, l’obiettivo rimane sempre quello di poter svolgere le lezioni in presenza. Proprio per quello si è proceduto con un massiccio intervento infrastrutturale. Tuttavia, c’è ancora parecchia incertezza, quindi l’eventualità delle lezioni a distanza rimane e va considerata». In un caso, è prioritaria: quello del corso online di Mauro Fiero di Apple Logic Pro, un software per le registrazioni musicali. Un corso, questo, che è fra i tre nuovi introdotti nel novero della quindicina di proposte “sul piatto” per chi vuole avvicinarsi alla musica. Le altre due novità sono il corso di tromba di Mauro Brunini per la neonata sezione jazz, e il corso di “songwriting” tenuto da Camila Koller per aspiranti cantautori, che potranno così farsi un’infarinatura di scrittura di testi e musiche.

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 100px;}